Pagina iniziale

Vita al nido

Vita al nido

Una giornata al nido Il Girasole

Asilo nido e Scuola per l’infanzia

Il pasto, il cambio, il sonno e il gioco non rappresentano solo i momenti in cui si soddisfano i bisogni primari come la fame, la sete, il sonno e la pulizia, ma sono vissuti globalmente nel rapporto affettivo, che il bambino instaura con l’adulto. Inoltre queste sono occasioni in cui il bambino sperimenta abilità manipolative, esperienze sensoriali e cognitive nelle quali acquisisce gradualmente la sua autonomia, in stretto rapporto con altri bambini.

Il cambio del bambino avviene in una stanza da bagno provvista di un mobile fasciatoio, con annesso un rotolone di carta usa e getta, utilizzata per ogni singolo cambio, come base d’appoggio e per asciugare il bambino. Il bagno è corredato di tre piccoli wc posti ad un’altezza tale da consentire ai bambini il loro utilizzo.
Il cambio è una delle routine nelle quali l’adulto e il bambino sono coinvolti in un rapporto affettivo più completo.In questi casi l’adulto si prende cura del bambino con delicatezza e professionalità.
L’adulto attraverso una vasta gamma di comportamenti non verbali come l’espressione del viso, il tono della voce, la vicinanza fisica, il modo di toccare il bambino, il modo di parlare più o meno veloce, comunica al bambino la propria disponibilità affettiva, rispondendo così al suo bisogno di sicurezza. Ogni azione che viene fatta, dall’adulto e dal bambino, deve essere verbalizzata e sviluppata attraverso piccole richieste dell’adulto per far si che tutte le esperienze che il bambino fa, possano diventare fonte di acquisizione cognitiva e di autonomia (si leva i calzini, tenta di mettersi il pannolino,…). Con il momento del cambio, inoltre, si può avere l’occasione di una migliore conoscenza corporea che coinvolge entrambi, la possibilità di interazioni (data la vicinanza) più o meno affettive quali le carezze reciproche, gli sguardi, la contesa degli oggetti, tutte interazioni che favoriscono la nascita di un affetto e di una approfondita conoscenza corporea.
Un altro momento importante da programmare è la modalità di avvio al controllo sfinterico: l’uso del vasino è naturalmente concordato con i genitori del bambino in modo che ci sia una continuità tra nido e famiglia; anche tra le educatrici è necessario uno scambio di idee per comprendere le diverse scelte che l’educatrice di riferimento può fare verso i singoli bambini. E’ fondamentale rispettare i tempi e la volontà del bambino, in modo che viva questo passaggio nel modo più sereno possibile.

asilo il girasole bagni

L’Asilo Il Girasole ha abolito i cibi precotti.
La struttura, dotata di cucina interna e rispondente agli standard del settore professionale, è il luogo in cui vengono preparati pasti e merende espressi.
Il menu proposto è realizzato con materie prime fresche, preferibilmente biologiche ed è strutturato in modo da fornire quotidianamente tutti i principi nutritivi di cui il bambino ha bisogno, per una corretta crescita.
Tutto il personale addetto ha conseguito la certificazione HACCP.
Il nostro compito di educatori non si ferma alla pausa pranzo. Oltre ad assicurare una dieta sana ed equilibrata, infatti, il nostro scopo e desiderio è quello di insegnare i principi di un’alimentazione sana ed equilibrata.

asilo il girasole seggiolini

Il sonno è un periodo per il bambino di estrema importanza.
Il sonno esercita una funzione di arresto di ogni attività e serve a mettere a riposo il complesso meccanismo del sistema nervoso e, a proteggere le cellule nervose dall’esaurimento, dallo stress e delle stimolazioni provenienti dal mondo esterno.
Nel corso del sonno si riabilita la capacità di lavoro delle cellule nervose. Ogni bambino ha il proprio stile di sonno, a seconda dell’età e del temperamento più o meno leggero o agitato, ha un proprio atteggiamento e una propria posizione preferita. La variabilità del sonno dipende dalle caratteristiche individuali, dal vissuto uterino, dall’ambiente in cui vive (abitudine a dormire in silenzio, nel rumore, al buio, alla luce), da molteplici valori affettivi che contribuiscono ad aumentare o ridurre lo stato di tensione che accompagna l’assopimento. Proprio per questo motivo l’educatrice deve accompagnare il bambino al momento del sonno, in modo sereno e rassicurante. Può lasciare che il bambino porti nel proprio lettino un peluche mentre l’educatrice si fermerà in cameretta a cantare una piccola ninna nanna. Il passaggio dalla veglia al sonno, deve seguire rituali precisi, perché questi creano al bambino sicurezza. Ad esempio riordinare i giochi, fare pipì e/o cambiare il pannolino, bere un sorso d’acqua, ma soprattutto cantare una ninna nanna o una canzone che identifichi chiaramente questo momento.
All’interno della struttura, la stanza del riposo è un ambiente confortevole, organizzato con lettini appositi per consentire al bambino il giusto riposo, le pareti hanno una pittura di colore azzurro tenue per favorire il sonno e dare un sereno risveglio. Inoltre, nella sala riposo ci sono alcuni carillon che accompagnano il sonno del bambino con una dolce cantilena.
L’educatrice deve sollecitare i genitori a rispettare l’igiene del sonno non solo per un fatto organico ma anche per un fatto educativo: evitare crisi di eccitamento prima del sonno (sorprese, giocattoli nuovi,…); evitare l’abitudine di addormentare il bambino in braccio o nel lettone.

asilo il girasole dormire

Il gioco rappresenta lo strumento privilegiato, attraverso il quale il bambino può conoscere sé stesso e le sue abilità. Attraverso le attività viene stimolato sul piano percettivo, affettivo, cognitivo e sociale. Il gioco, individuale o con i coetanei, costituisce per il bambino, il modo diretto per scoprire le sue capacità, ed è quindi da considerarsi un’esperienza “seria” e importante.

asilo il girasole giochi e pupazzi

Il Corredo

L’asilo nido richiede un corredino per tutti i bambini:

  • 2 bavaglie con elastico per la pappa
  • 1 paio di calze
  • 1 body o intimo spezzato
  • 1 cambio completo (maglietta – pantaloni)
  • 1 sacchetto di cotone di medie dimensioni con nome ed iniziale del cognome del bambino
  • 1 borraccia
  • 1 ciuccio e copri ciuccio
  • 1 zainetto giornaliero.